Diario di una stagista: Anteprima festival

Diario di una stagista: Anteprima festival

Buon giovedì, ragazzi oggi voglio dedicare il diario di una stagista: Anteprima festival.

Sicuramente avrete già sentito quali sono le novità di questa 72esima edizione ma voglio rinfrescarvi la memoria perchè ogni anno è il mio appuntamento fisso.

L’edizione precedente mi è piaciuta particolarmente perchè sono saliti sul palco artisti giovani, che hanno saputo attirare l’attenzione di un target più giovanile, visto che nell’ultimo periodo c’era stato un calo di ascolti da parte di questa fascia.

Speriamo di riconfermare lo stesso obiettivo anche per quest’anno. Non ho dubbi a riguardo perchè troveremo sul palco nuovi talenti provenienti dalla generazione zeta come Aka7, Sangiovanni, Blanco, Matteo Romano

Si tratta di artisti che hanno già fatto una buona carriera ottenendo ottimi risultati e traguardi. L’unico aspetto che voglio mettere in luce è la poca presenza femminile di concorrenti.

Parteciperanno Emma, Ana Mena, Noemi, Giusy Ferreri, Iva Zanicchi e Elisa. Sinceramente speravo di vedere sul palco più artiste ma c’è una notizia che mi ha resa felice, la presenza di Francesca Michielin in una nuova veste, come direttrice d’orchestra.

Emma l’ha scelta come direttrice d’orchestra per il suo ritorno a Sanremo con “Ogni volta è così”. Ricordiamo che l’anno scorso insieme a Fedez, la cantante ha gareggiato con la canzone “Chiamami per nome”, classificata al secondo posto.

Ospiti

Come ogni anno, Amadeus ha scelto le vallette” per ogni serata: Ornella Muti, Lorena Cesarini, Drusilla Foer, Maria Chiara Giannetta e Sabrina Ferilli.

Durante la prima serata, ritorneranno sul palco i Maneskin che ormai possiamo considerarli come veri e propri ospiti internazionali e per la prima volta saranno ospiti i Meduza che faranno ballare il pubblico dell’Ariston.

La seconda serata vedrà la partecipazione, per la seconda volta consecutiva, di Laura Pausini dove presenterà il suo nuovo singolo “Scatola”.

Poi ci saranno Checco Zalone, Cesare Cremonini, Luca Argentero, Raoul Bova, Lino Guanciale, Anna Valle, Gaia Girace e Margherita Mazzucco.

Come potete notare non c’è la presenza di Fiorello, co-conduttore fisso delle due edizioni precedenti: Amadeus ha detto che c’è una camera prenotata per lui ma, non si sa, se animerà il palco almeno per una delle cinque serata.

Serata cover

La quarta serata è dedicata alle cover dove vedremo i concorrenti cantare insieme ad un’artista che hanno scelto. La novità di quest’anno che potranno presentare un brano internazionale degli anni ’60, ’70, ’80 o ’90.

Impressioni

Secondo me sarà un Sanremo simile a quello dell’anno scorso con la differenza che finalmente potremmo vedere il pubblico in sala quindi ci saranno “veri” applausi.

A distanza di circa un anno, questo è un traguardo perchè la presenza del pubblico riporta ad un senso di normalità e soprattutto i concorrenti canteranno rivolgendosi a qualcuno.

Non ho ancora letto i testi delle canzoni ma prima di martedì inizierò ad analizzarli. Sono curiosa, perchè se penso a quelli dell’anno scorso, quasi tutti riportavano riferimenti alla pandemia e al tragico periodo che stavamo vivendo.

Chissà quale sarà il tema dominante che emergerà nei 25 testi.

Consiglio musicale

Sono tantissime le canzoni che sono entrate nella storia del festival di Sanremo ma oggi vi riporto al 2013 quando Marco Mengoni ha vinto con la canzone “L’essenziale”.

Diario di una stagista: Anteprima festival

Il cantante ha spiegato che il testo della canzone parla di “Tornare alle origini, restare ben radicati al terreno, pur non smettendo mai di sognare. L’Essenziale è una ballad nelle cui parole ritrovo le mie radici più profonde”.

Questa pagina di diario era solo un’anticipazione sul festival, nelle prossime puntate entrerò nel vivo della kermesse riportando, come sempre, le mie impressioni e i miei giudizi.

Io aspetto anche i vostri commenti perchè mi piace confrontarmi soprattutto su argomenti musicali. Ormai avete capito che vivo per la musica e quando si parla di Sanremo non possiamo dimenticare che la musica è la protagonista.

Chiara Denti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
Open chat