Diario di una stagista: Un regalo sotto l’albero

Diario di una stagista: Un regalo sotto l’albero

Manca sempre meno a Natale quindi dal diario di una stagista: un regalo sotto l’albero.

Nell’ultimo periodo ho pensato a quale regalo vorrei avere sotto l’albero.

Una riflessione difficile visto che ho sempre tanti desideri nel cassetto quindi inizierei a stipulare una lista infinita. Ma oggi voglio condividere con voi diversi pensieri.

Regalo

Che bello ricevere i regali il giorno di Natale ma non solo perchè la stessa emozione la proviamo quando è il giorno del nostro compleanno.

La massima gioia la si vive soprattutto quando si è bambini. Il tempo è passato ma un regalo fa bene al cuore e alla mente a qualsiasi età. Voi quale regalo desiderate?

Se da bambini desideriamo ricevere soprattutto giocattoli, quando si raggiunge una certa età non bastano più i regali materiali a renderci felici.

Un giocattolo aveva la capacità di cambiare la nostra giornata per un pò di tempo e ci faceva sentire migliori perchè possedevamo quel gioco che magari avevano tutti i nostri coetanei.

Quando diventiamo grandi, siamo più esigenti e facciamo più fatica ad accontentarci. Il regalo materiale perde la sua importanza e magari sentiamo la necessità di ottenere “doni” difficili.

Doni im(possibili)

All’inizio questi doni ci sembrano impossibili da perseguire perchè restano soltanto dei sogni sospesi nella nostra mente.

Ma c’è sempre una soluzione a tutto: solo con il sacrificio, dedizione si riesce a trasformare questi doni irraggiungibili in possibili.

Walt Disney diceva “se puoi sognarlo, puoi farlo”. So è difficile raggiungere tutti i doni che ci prefissiamo ma se ci crediamo fortemente riusciremo a raggiungerli.

Quando parlo di doni im(possibili) subito vengono in mente i propri sogni e desideri che custodiamo, però, fanno parte anche tutti quegli aspetti della nostra vita che vorremmo migliorare.

Per poter migliorare la nostra vita non serve denaro, come succede per i giocattoli, ma abbiamo soltanto bisogno di vedere il mondo con occhi diversi e cambiare il nostro atteggiamento.

Questa settimana, in radio, abbiamo riflettuto su un proverbio che cita “Il problema non è il problema. Il problema è il tuo atteggiamento rispetto al problema”.

Quindi se iniziamo a vedere il problema da un’altra prospettiva, magari, ci rendiamo conto che in fondo non è un problema.

Così facendo trasformiamo il problema in una soluzione. Questo potrebbe essere uno dei tanti regali che potremmo fare a noi stessi, a partire dal giorno di Natale.

Consiglio musicale

Come consiglio musicale vi regalo “My only wish” di Britney Spears, una canzone natalizia dove l’artista si rivolge a Santa Claus perchè desidera una persona che la ami.

Diario di una stagista: Un regalo sotto l’albero

Come potete vedere si possono chiedere tantissime cose a Babbo Natale però quando si diventa grandi non è soltanto la sua magia ad aiutarci ma tutto dipende anche dalla nostra forza di volontà.

Sulle note di questo fantastico brano, vi saluto e voglio sapere che cosa desiderate ricevere il giorno di Natale.

Chiara Denti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
Open chat